The Reef & The Craft

Ero una piccola creatura nel cuore 
Prima di incontrarti, 
Niente entrava e usciva facilmente da me; 
Eppure quando hai pronunciato il mio nome 
Sono stata liberata, come il mondo. 
Non ho mai provato una così grande paura, perché ero senza limiti. 
Quando avevo conosciuto solo mura e sussurri. 
Stupidamente sono scappata da te; 
Ho cercato in ogni angolo un riparo. 
Mi sono nascosta in un bocciolo, ed è fiorito. 
Mi sono nascosta in una nuvola, e ha piovuto. 
Mi sono nascosta in un uomo, ed è morto. 
Restituendomi 
Al tuo abbraccio. 

Mary-Elizabeth Bowen

I QUATTR0



A cura di Hermes

I QUATTRO

Il quattro è il numero della stabilità, della stasi.
L’immagine stessa del quadrato rimanda ad una struttura ordinata, chiusa, definita.
Nelle figure solide il quadrato si sviluppa nel cubo, lo stesso che costituisce il trono su cui siede l’Arcano dell’Imperatore.
L’iniziativa dell’uno, che si sviluppa nel percorso dialettico del due, che si sintetizza nel tre, si stabilizza nel quattro.
è l’immagine stessa dei risultati raggiunti in un determinato contesto, che danno sicurezza.
Questa sicurezza però può anche trasformarsi in immobilismo e staticità, che non sempre rende capaci di affrontare le circostanze del presente, che spesso invece richiedono grandi capacità di adattamento.

QUATTRO DI COPPE nella rappresentazione Rider Waite



Un uomo è seduto sotto un albero con braccia e gambe incrociate. Il suo sguardo è rivolto verso il basso e la sua espressione è meditabonda, quasi imbronciata.
Dinanzi a lui sono messe in fila tre coppe, mentre una mano, che esce da una nuvola, gliene porge una quarta.
Il giovane ha braccia e gambe incrociate, egli quindi in questo momento è chiuso al mondo esterno. Il suo potenziale attivo (la casacca rossa) e il suo potenziale creativo (i pantaloni azzurri) sono a riposo e ripiegati su sé stessi. L’uomo è cosciente delle tappe finora raggiunte, che infatti gli sono davanti, ma, prima di proseguire nel suo percorso, ha deciso di prendersi una pausa e riflettere.

Necessità di approfondire il valore dei propri sentimenti prima di continuare una storia d’amore
Delusione d’amore, ma con la speranza di riprendere in mano la propria vita
Depressione
Sensazione di esclusione dal proprio mondo affettivo
Opportunità sentimentale da cogliere, ma che necessita di una buona ponderazione

QUATTRO DI BASTONI nella rappresentazione Rider Waite



Quattro bastoni, in visione prospettica, reggono ghirlande di fiori. Al centro si intravedono due figure, vestite in abiti classici, che alzano mazzi di fiori forse danzando.
Ancora più indietro un altro gruppo di persone sembra danzare in circolo.
Sullo sfondo un grande castello, mentre tutta l’aria è soffusa di una luce gialla.
La rappresentazione ci restituisce un’immagine di serenità ed allegria. è la rappresentazione di una festa. L’allegria del momento, rappresentata dalla ghirlanda di fiori, si regge sulle basi dei progetti realizzati (i quattro bastoni). Anche in castello grigio sullo sfondo ci dà un’immagine di stabilità e sicurezza, ma i tetti rossi ci indicano anche che questa stabilità tende alla futura azione.
Il potenziale attivo ci è segnalato dalla posizione dei bastoni, che appunto sono in prospettiva, quindi rivolti “avanti” e dalle figure che sono tutte in movimento, infatti danzano.
La rappresentazione ci vuole dire che la felice situazione attuale non ci deve tentare con la sua stabilità ma piuttosto deve essere un trampolino per il conseguimento di nuovi risultati felici.

Situazione di stabilità
Vacanza
Periodo di tranquillità lavorativa
Casa
Ricaricare le pile per poi ricominciare
Fase progettuale basata su risultati appena raggiunti
Momento di ottimismo
Esigenza di ringraziare gli dei per quanto finora ottenuto

QUATTRO DI SPADE nella rappresentazione Rider Waite



Siamo all’interno di una chiesa. In primo piano un sarcofago di pietra: sul suo coperchio è rappresentato un uomo, mentre su un lato una spada.
Sulla parete dello sfondo sono appese tre spade accanto ad una vetrata a mosaico molto colorata.
Le spade sono il simbolo che riconduce all’elemento Aria, alla sfera della razionalità, del pensiero dell’analisi, del discernimento.
La carta ci indica un percorso, che parte dal basso dell’immagine - il sarcofago - e si sviluppa verso l’alto passando per le tre spade appese fino alla finestra.
Si parte quindi da una situazione di stasi intellettiva. Si è sviluppata una determinata linea di pensiero, alcune considerazioni sono date come assodate. La mente però è fermento continuo, il pensiero può restare addormentato, ma non troppo a lungo. Così la carta ci invita a sviluppare nuovamente le proprie facoltà intellettive – senza però abbandonare le certezze raggiunte – in modo che attraverso un nuovo discernimento ci si possa affacciare verso nuove vivaci esperienze ricche di colore.

Voglia di restare soli
Necessità di riprendersi da uno stress mentale
Convalescenza
Capacità di capire quando dire “basta” e imparare a volersi bene
Introspezione
Necessità di far ricorso a tutte le proprie risorse mentali per passare oltre un periodo di stasi
Voglia di rimettersi a studiare
Necessità di acquisire nuove capacità per intraprendere una nuova impresa

QUATTRO DI DENARI nella rappresentazione Rider Waite



Un re seduto su uno scranno cubico abbraccia un denaro all’altezza del cuore. Altri denari sono sulla sua testa e sotto i suoi piedi.
Dietro di lui una grande città con alti palazzi.
La testa, il cuore ed i piedi, indicano l’essere umano nella sua interezza.
La stabilità materiale è la cosa che prende di più quest’uomo. è nei suoi pensieri, è nei suoi sentimenti, su di essa poggia il suo cammino.
Questa stabilità costituisce l’equilibrio su cui in questo momento egli si fonda. Le braccia sono posizionate attorno al denaro quasi ad immagine del Tao ed evocano un’idea di protezione.
La città stessa dietro la figura è il prototipo della stabilità e della ricchezza, tuttavia egli ne è posto al di fuori.

Stabilità finanziaria
Timore di perdere ciò che si è guadagnato
Necessità di acquisire stabilità prima di potersi occupare del prossimo
Pericolo di diventare avidi
Pericolo di perdere di vista quali sono i veri “valori” dell’essere umano
Pericolo di abusare della propria ricchezza a danno degli altri