The Reef & The Craft

Ero una piccola creatura nel cuore 
Prima di incontrarti, 
Niente entrava e usciva facilmente da me; 
Eppure quando hai pronunciato il mio nome 
Sono stata liberata, come il mondo. 
Non ho mai provato una così grande paura, perché ero senza limiti. 
Quando avevo conosciuto solo mura e sussurri. 
Stupidamente sono scappata da te; 
Ho cercato in ogni angolo un riparo. 
Mi sono nascosta in un bocciolo, ed è fiorito. 
Mi sono nascosta in una nuvola, e ha piovuto. 
Mi sono nascosta in un uomo, ed è morto. 
Restituendomi 
Al tuo abbraccio. 

Mary-Elizabeth Bowen

I SEI



A cura di Hermes

I SEI

Passata la burrasca rinnovatrice del cinque, la nostra barca che attraversa l’universo degli arcani minori approda alla baia più tranquilla del sei.
Il numero sei infatti è associato alle idee di bellezza, equilibrio, armonia, diplomazia.
Questa carta ci riporta ad un ambiente domestico tranquillo, ad uno stato di meritato relax dopo un’attività lavorativa intensa, al momento in cui si ottiene il riconoscimento della bontà delle azioni compiute.
Il sei ci riporta ad un ideale di serenità che ci deriva da esperienze, attività e conoscenze anche del passato, che riverberano i loro effetti nel presente.

SEI DI COPPE nella rappresentazione Rider Waite



Due bambini (fratello e sorella?) si trovano in un orto nei pressi della loro casa a raccogliere fiori. Hanno depositato i fiori già raccolti in sei coppe disposte ordinatamente.
La loro interazione è serena, il bambino più grande si piega per venire incontro alla bambina e i loro sguardi tranquilli si incontrano.

La rappresentazione di un quadro idilliaco dell’infanzia riporta necessariamente i nostri sentimenti al ricordo del nostro passato sereno di bambini, quando i problemi e le responsabilità della vita quotidiana di adulti non erano altro che un puntino lontano all’orizzonte (l’uomo di spalle con la lancia sullo sfondo).
In quella fase della nostra vita tutto era stabile (le costruzioni) e protette (la guardia sullo sfondo) e legato ad un presente che durava eternamente.
Non c’era ieri, non c’era domani, c’era solo oggi, qui ed ora.
Eppure l’infanzia è essa stessa palestra di vita, e i bambini, seppure sotto forma di un gioco sereno, compiono un’attività “lavorativa” e finalizzata ad uno scopo.
Essi inoltre possiedono già tutte le potenzialità e l’estro per agire attivamente nel mondo degli adulti, come ci indicano i colori dei loro vestiti.

Nostalgia per un passato sereno
Necessità di sentirsi protetti e accolti
Aiuto da un amico/fratello/familiare
Improvvisa rifioritura di sentimenti ormai dimenticati
Pace in famiglia
Capacità di riequilibrare una situazione affettiva attraverso la sincerità e la schiettezza
Onestà in amore

SEI DI BASTONI nella rappresentazione Rider Waite



Un uomo coronato d’alloro su un cavallo bianco, maestosamente passa in trionfo tra la folla.
Brandisce nella mano destra un bastone, anch’esso decorato con una corona d’alloro, e le persone che gli stanno intorno innalzano bastoni per salutare il suo passaggio.

Questa rappresentazione ci trasmette subito il suo significato: il trionfo.
Questo cavaliere ha compiuto una qualche impresa e i suoi sforzi sono ripagati non solo dal successo personale, ma anche dall’approvazione generale di chi gli sta intorno.
La sua vittoria è totale: è nell’immagine ideale che si è formato di sé stesso, ma anche nella concretezza oggettiva del riconoscimento della realizzazione del progetto che si era proposto.

Successo meritato
Trionfo dopo le difficoltà
Ammirazione degli altri
Consenso nell’ambiente lavorativo
Buone notizie in imminente arrivo
Promozione sul lavoro
Forte fiducia in sé stessi

SEI DI SPADE nella rappresentazione Rider Waite



L’immagine di questa carta ci mostra tutti personaggi rivolti di spalle al consultante.
Un traghettatore trasporta due persone, una donna ed un bambino, verso la riva opposta di un lago o di un fiume. I passeggeri hanno davanti a loro sei spade con le punte infilate nello scafo della barca.
Sulla destra dell’imbarcazione l’acqua è increspata, mentre dal lato sinistro fino all’orizzonte è piatta come uno specchio.
L’atmosfera è fredda, i colori sono quelli di un’alba gelida.

Questa carta ci indica senza dubbio un momento di passaggio, anche se non risolutivo allo stato attuale.
Il consultante sta lasciando le acque agitate del passato, attraversa un momento di equilibrio creato dall’uso della razionalità e cerca di approdare in un luogo più sereno.
Questo equilibrio però è ancora fragile ed è rimesso all’abilità di tenere stabile il pensiero che traghetta lo spirito attraverso le acque della vita.
è comunque l’alba di un nuovo giorno.

Passaggio verso un periodo della vita più tranquillo
Fuga dal passato
Ricerca di riparo
Viaggio per distrarsi
Capacità di tenere a bada lo stress
Necessità di prendersi cura di chi non è presente a se stesso
Trasloco
Cambio di interessi
Nuovi stimoli intellettuali

SEI DI DENARI nella rappresentazione Rider Waite



Un uomo riccamente vestito elargisce delle monete in elemosina a due mendicanti.
Tiene nella mano sinistra una bilancia, mentre nel cielo splendono sei denari.

Questa rappresentazione ci mostra due prospettive di visione.
Dal punto di vista dell’uomo ricco è l’immagine della generosità, del dare e darsi all’altro senza riserve.
Dal punto di vista dei mendicanti è l’immagine della fiducia, della capacità di abbandonarsi, affidando la sicurezza dei propri bisogni nelle mani e al giudizio dell’altro.
La generosità non deve trasformarsi in inutile assistenzialismo, ma deve spronare chi riceve a guardare avanti per acquisire la stabilità e le capacità di procurarsi autonomamente i beni necessari (i denari in alto, come meta da raggiungere per tutti).
La generosità deve inoltre essere equilibrata. Non bisogna dare all’altro a scapito della propria stabilità e del proprio benessere. Il primo altruismo deve essere soprattutto verso sé stessi.

Generosità
Piacere di dare all’altro
Capacità di ottenere soddisfazione dal benessere altrui
Offrire all’altro gli strumenti per progredire
Essere mecenati
Avere fiducia nell’altro
Trovare il giusto equilibrio tra l’amore per sé e quello per il prossimo