The Reef & The Craft

Il tuo più tenue sguardo facilmente mi aprirà,
benché abbia chiuso me stessa come vita
sempre mi apri ogni petalo per petalo come la primavera fa
toccando accortamente misteriosamente la sua prima rosa
e io non so quello che c'è in te che chiude e apre solo
qualcosa in me comprende che è più profonda la luce dei tuoi
occhi di tutte le rose.
Nessuno... neanche la pioggia ha... Così piccole mani.

LA CANZONE DI AMERGIN

 

La Canzone di Amergin
 

Io sono un cervo: dalle corna a sette palchi,

 Io sono una piena: attraverso una pianura,

 Io sono un vento: su un lago profondo

 Io sono una lacrima: che il Sole lascia cadere

 Io sono un falco: alto sulla scogliera

 Io sono una spina: sotto l'unghia

 Io sono una meraviglia: tra i fiori 

 Io sono uno stregone: chi oltre a me

 Infiamma la fredda testa con il fumo?


 Io sono una lancia: che ruggisce in cerca di sangue

 Io sono un salmone: in una pozza

 Io sono un'esca: del paradiso

 Io sono una colline: dove camminano i poeti 

 Io sono un cinghiale: crudele e rosso

 Io sono un frangente: che minaccia rovina

 Io sono una marea: che trascina alla morte

 Io sono un infante: chi oltre a me

 Guarda furtivamente dall'arco del dolmen non sbozzato?


 
 Io sono il grembo: di ogni bosco

 io sono la vampa: su ogni collina

 Io sono la regina: di ogni alveare

 Io sono lo scudo: per ogni testa

 Io sono la tomba: di ogni speranza 
 

NEWSLETTER